giovedì 4 giugno 2015

COMUNICATO STAMPA: Lepore, "Rom, d'ora in poi paghino bollette come gli altri"


Milano, 3 giugno 2015 


Non è più plausibile che in un momento di crisi economica e occupazionale, in cui la maggior parte degli italiani lotta quotidianamente per arrivare alla fine del mese e cerca di condurre una vita normale e dignitosa, il comune di Milano continui a foraggiare gratuitamente acqua, luce e gas ai dimoranti nei campi rom precludendo, d’altro canto, maggiori risorse ai milanesi più bisognosi.
È ora di dire basta a questo “buonismo razzista” che privilegia persone che vivono sovente nell’illegalità rispetto ad altre che, nonostante tutto, voglio rimanere onesti e corretti cittadini.
In questi giorni depositerò una mozione urgente in cui chiederò alla giunta di impegnarsi a dare un netto taglio al passato e di far finalmente pagare le utenze a chi vive nei campi rom, così come fanno tutti i mortali abitanti della nostra città, e di rendere visibile sul portale istituzionale del Comune, per una giusta operazione di trasparenza, tutti i costi affrontati negli ultimi quattro anni dalla civica amministrazione (sostenuti quindi coi soldi dei milanesi) per erogare gratuitamente luce, acqua e gas in tutti i campi rom esistenti in città.
E tutto ciò in attesa che queste aree di degrado siano, in un prossimo futuro, definitivamente eliminate.
È quanto afferma Luca Lepore, consigliere comunale del Carroccio a Palazzo Marino.