lunedì 8 giugno 2015

COMUNICATO STAMPA: Lepore, "Gabinetto del Sindaco posizioni organizzate a gogò"


Milano, 8 giugno 2015

Il gabinetto del Sindaco potremmo assimilarlo, in chiave metaforica, al tempio di Artemide in Efeso ove la dea era raffigurata con una statua plurimammellata.
Mammelle che la identificavano come la nutrice indefessa di tutti gli animali e gli esseri viventi.
Ebbene sì, in pieno periodo di crisi economica e occupazionale, ove peraltro da ben 6 anni il contratto nazionale del pubblico impiego è bloccato dai governi di centrosinistra, vi è un’isola felice nel cuore della macchina comunale in cui ben 20 dipendenti ricoprono una posizione organizzativa.
Uno spreco di denaro pubblico e riconoscimenti di carriera che fanno sorgere dubbi sulla loro giustificabilità, tenuto conto sia del numero di dipendenti che della complessità e della responsabilità richiesta per svolgere le incombenze del Gabinetto.
Un forte squilibrio con tutte le altre Direzioni Centrali, ove chi riveste l’incarico di posizione organizzativa deve avere un certo numero di personale da dirigere o una materia difficile e articolata che esige una notevole responsabilità.
Presenterò a breve un’interrogazione al sindaco Pisapia ove chiederò lumi sull’eccessiva e magnanima largizione di tutte queste posizioni organizzative nel suo Gabinetto.
Vogliamo chiarezza, trasparenza, ma soprattutto giustizia ed equità.
A parità di oneri e di responsabilità, non ci devono essere dipendenti comunali di serie A e di serie B.
È quanto afferma Luca Lepore, consigliere comunale del Carroccio a Palazzo Marino.