giovedì 22 gennaio 2015

COMUNICATO STAMPA: Lepore, "Referendum legge Fornero, in Italia non vige democrazia"



Milano, 20 gennaio 2015
 
Con  la  dichiarazione  di  inammissibilità del referendum sulla famigerata legge  Fornero  appare più che mai chiaro che l’Italia non è una repubblica libera, bensì un’oligarchia mascherata da falsa democrazia.
È  una  sentenza  smaccatamente  politica  che va in soccorso di un governo Renzi  tutto  proteso a favorire gli interessi delle lobby, dei banchieri e delle  multinazionali  e  refrattario  ai  bisogni del popolo, della povera gente affamata e vergognosamente defraudata di diritti e di tutele.
E l’ex ministro Fornero, dopo il danno cagionato a centinaia di migliaia di lavoratori,  oggi ha perso un’ulteriore occasione per non manifestare tutta la sua perfidia e la sua insensibilità affermando che ora il Parlamento, se lo  vorrà,  potrà  procedere  ad  esaminare  la  sua  legge con pacatezza e lungimiranza.
Come dire, con tutta calma e tranquillità.
Alla  faccia  di  tutti coloro che si trovano senza lavoro e pensione e non sanno come fare per sbarcare il lunario.
Dopo lo spietato danno, oggi la beffa!
In  uno  Stato che si autodefinisce “democratico” la parola al popolo la si dà e non la si toglie.
È  quanto  afferma  Luca  Lepore,  consigliere  consiliare  del Carroccio a Palazzo Marino.

COMUNICATO STAMPA: Lepore, "Nozze Gay, Pisapia sopra la legge"



Milano, 17 Gennaio 2015

Sono passati solo quattro giorni dall’ultimo appello che ho rivolto al Sindaco ad uscire dall’illegalità delle trascrizioni ed ora Pisapia è indagato per omissioni d’atti d’ufficio.
Ma dove si vuole arrivare? I gesti hanno senso solo se rimangononell’alveo della legalità e dei principi costituzionali.
Se le leggi sono ritenute obsolete si cambiano e non si infrangono.
L’atteggiamento più grave e quello di considerarsi superiore ai principi democratici e a tal punto al di sopra delle leggi da poterle travisare a suo piacimento.
Un atteggiamento sfrontato ed irriverente verso tutti coloro che rispettano quotidianamente la legalità che non ottiene altro che ribadire, data l’indagine in corso, che tali arbitrarie trascrizioni sono oltre che illegali del tutto prive di valore.
Così interviene il Vicepresidente del Consiglio Comunale di Milano della Lega Nord Luca Lepore.

venerdì 16 gennaio 2015

COMUNICATO STAMPA: Segnalata MOSCHEA abusiva a Milano in via Zambelli. Abbiati: "Avviare subito i controlli per verificarne l’esistenza"

Milano, 16 gennaio 2015

"Ieri sera - spiega il consigliere di Zona 9 Gabriele Abbiati - abbiamo presentato un'interrogazione per conoscere la reale destinazione d'uso di quello che sembra essere divenuto un centro di preghiera islamico. L'interrogazione nasce dalle numerose segnalazioni dei cittadini che ci hanno contattato chiedendo informazioni relativamente ad un folto numero di persone che ogni venerdì entra nello stabile di via Zambelli 15."

"Vogliamo chiarezza - sottolinea il consigliere del Carroccio - e soprattutto vogliamo capire se Pisapia e la sua giunta hanno autorizzato questo centro di preghiera islamica. Di conseguenza chiediamo - conclude Abbiati - che siano avviati immediatamente i controlli per verificare quindi la presenza di una moschea abusiva ad Affori.".

martedì 13 gennaio 2015

COMUNICATO STAMPA: Lepore, "Città Metropolitana, la sinistra inizi a lavorare"



Milano, 13 gennaio 2015

Oggi  sentiamo  ergersi  al  cielo lamenti riguardo l’indisponibilità di un governo istituzionale nella fase d’avvio della città metropolitana.
Ai  queruli  esponenti di Sel rammentiamo che la Lega Nord ha votato contro l’approvazione  dello  statuto  e ha più volte sollecitato la convocazione, sinora disattesa, di un consiglio relativo al bilancio dell’ente.
Dopotutto  sono  passati  “solo”  quattro  mesi  dall’elezione di secondo livello  della  città metropolitana di Milano e siamo ancora ai blocchi di partenza perché la maggioranza deve responsabilmente spartirsi le deleghe.
  piacere  constatare che Sel esca dal proprio letargo e riconosca che la città metropolitana rischi di diventare un guscio vuoto.
Ma  chi  ha voluto la riforma Del Rio e la legge “tagliola” di stabilità se non il centrosinistra?
Ci  vuole un bell’ardire nel chiedere un intervento di tutti i parlamentari di  Lombardia  1 dopo aver preso per i fondelli i cittadini sbandierando di ridurre  i  costi di enti inutili e proclamando la chiusura delle provincie, quando invece rimangono vive e vegete e alla ricerca di fondi.
Prima   di   implorare  aiuto  al  centrodestra  per  reperire  le  risorse finanziariebisognerebbe avere l’onesta intellettuale di richiederle a chi le ha sottratte: il governo Renzi.
Ma probabilmente si pretende troppo.
E intanto i cittadini e i lavoratori aspettano.
È  quanto  afferma  Luca  Lepore,  capogruppo  della  lega  Nord  a Palazzo Isimbardi e Vice Presidente del Consiglio Comunale di Milano.