mercoledì 28 agosto 2013

COMUNICATO STAMPA: Lepore "Abbonamenti ATM, studenti e anziani presi per i fondelli!"


Milano, 28 agosto 2013

Dopo  la  comunicazione  fumosa  e poco trasparente apparsa il 2 agosto sul portale  del Comune di Milano relativa ai rincari degli abbonamenti ATM, la grifagna  giunta  melograno  è corsa ai ripari aggiungendo settimana scorsa una  news sottostante ove si fa riferimento, con toni raggianti, alle forti agevolazioni sugli abbonamenti per studenti, lavoratori e over 65.
Premettendo  che l’abbonamento mensile ordinario passerà da 30 € a 35 € con un  aumento  del 17%,  rileviamo che l’abbonamento mensile studenti passerà dai vecchi 17 € ai nuovi 22 € con un aumento del 30%.
E questa sarebbe la forte agevolazione?
Ma chi vogliono prendere per i fondelli questi contabili da strapazzo?
Lasciamo   perdere  poi  le  agevolazioni  per  gli  over  65  che  avranno
l’abbonamento  gratuito solo se avranno un reddito ISEE inferiore ai 16.000€ (praticamente  quattro gatti), mentre pagheranno 22 € al mese se avranno un reddito ISEE fra i 16.000 e i 20.000 €.
Continuano  le  frottole di una  squadra che vive alla giornata e che tenta in  ogni  modo,  con campagne fallaci, di far passare le loro maxi stangate come notevoli sgravi e aiuti per le categorie più deboli.
Pensano forse che i milanesi siano gente imbesuita?
È  quanto afferma Luca Lepore, consigliere comunale del Carroccio a Palazzo Marino.

martedì 6 agosto 2013

COMUNICATO STAMPA: Lepore, "Aumenti abbonamenti ATM, la Giunta come Nosferatu!"



Milano 6 agosto 2013 

Dopo le innumerevoli gabelle imposte dal sindaco Pisapia nei suoi primi due anni  di governo, eccone sopraggiungere un’altra ad opprimere ulteriormente i cittadini milanesi.
Deliberata  settimana  scorsa dalla giunta melograno, in estate inoltrata e in  piena sintonia con gli effetti dell’afa agostana, la nuova stangata dei “  Nosferatu”  della  sinistra  radical chic entrerà in vigore dal prossimo settembre.
Sempre  più  assetati di “sangue e di danaro” hanno pensato bene di non far affievolire   le   loro   attitudini  suggenti  deliberando  nuovi  aumenti nell’ambito del trasporto pubblico.
Approfittando della solita pausa vacanziera, gli svuota tasche dei milanesi hanno messo a segno l’ennesima batosta.
E  tutto  ciò  per  cercare  di  tamponare  le  copiose  falle del bilancio comunale, mai così in rosso nelle passate amministrazioni.
A  partire dal prossimo mese di settembre sono stati stabiliti inasprimenti per  gli  abbonamenti  mensili  e annuali Atm, rispettivamente del 15 e del 10%,  mentre  per  il  biglietto singolo è previsto l’aumento a partire con tutta probabilità dal gennaio 2014.
Con  questi  nuovi  introiti le ganasce dei “vampiri” ingolleranno circa 34 milioni di euro all’anno.
Ma non è finita.
Lo  stesso  sindaco  Pisapia  ha  annunciato  che  la giunta lavorerà anche sull’adeguamento  delle  tariffe dei servizi cimiteriali, delle rette degli asili, delle mense e delle strutture sportive.
Siamo  in  presenza  di un’amministrazione sempre più avida e sprecona e di cittadini milanesi sempre più vessati e spolpati.
Ma  Pisapia  e & co. sono capaci di fare un qualcosa di utile senza alleggerire le tasche alla gente?
Ma  questi  “intellettuali”  sanno  proporre  iniziative  o  ingegnarsi per rendere  meno  drammatica  e  più  sopportabile  l’attuale crisi economica, oppure  le  loro menti si sono così imborghesite da non riuscire a sfornare altro  che  tagli  e  balzelli  che vanno a colpire sempre e soltanto i più deboli?
Ma  l’attuale  giunta  non  era  sempre  quella  che nel 2011 sosteneva che bisognava aumentare il costo del singolo biglietto singolo, portandolo da 1 € a 1,50 €, per incentivare gli abbonamenti?
Ora i milanesi si ritrovano “cornuti e mazziati”.
È  quanto afferma Luca Lepore, consigliere comunale del Carroccio a Palazzo Marino.