martedì 25 settembre 2012

Il programma degli Stati Generali del Nord


I LUNEDI' DI VIGNATI: 1 Ottobre presente Massimiliano Orsatti, Presidente VII commissione di Regione Lombardia


COMUNICATO STAMPA: Lepore "Gay. Caro Pisapia, un bel tacer non fu mai scritto!"

Milano, 25 settembre 2012

Un bel tacer non fu mai scritto!
Oramai  non si contano più le fesserie che il nostro Sindaco sta proponendo in  materia  di omosessualità e in particolare sull’adozione da parte delle coppie gay.
Le  affermazioni  rilasciate  “a  titolo”  personale”  durante  l’assemblea dipietrista di Vasto hanno fatto tracimare il vaso.
Ma  come  è possibile che il Sindaco di Milano, che dovrebbe affrontare con impegno  e  abnegazione  le  problematiche  concrete  di una città travolta dall’attuale  crisi economica e che inzeppa di difficoltà tutte le famiglie meneghine,  trovi  il  tempo  per lasciarsi andare con tanta disinvoltura a dichiarazioni così eccentriche che mettono in secondo piano il valore della famiglia   tradizionale   ed   eterosessuale,   pilastro   fondamentale e imprescindibile,  minando artatamente l’impalcatura storica e sociale della nostra comunità, per propinare e favorire aberrazioni della natura quali le coppie gay?
Persino  il  leader  del  PD,  Pierluigi Bersani, ha invitato Pisapia a non sbrogliare con due battute, peraltro molto infelici, un tema così delicato.

La  questione  è che la frase “meglio avere genitori, anche se omosessuali, piuttosto che non averne affatto” lascia il tempo che trova.
Qui  non  si  tratta  di  diritti per le coppie gay, qui il tema è cosa sia meglio per il bambino.
Il bambino prima di fantomatici diritti della coppia gay.
Chi può dire con assoluta certezza e onestà di giudizio che l’orfanotrofio, in  assenza  di coppie sposate o di coppie eterosessuali, non sia meglio di un’adozione da parte di coppie omosessuali?
Pertanto, caro Pisapia, anche in considerazione della sua carica ricoperta, prima  di  propalare  affermazioni  avventurose, ci pensi almeno tre volte!
Basta ideologismi demagogici a scopi elettorali!
Lo  sa  che  i  suoi  proclami,  probabilmente,  staranno facendo rivoltare sottoterra il Che?
Lasciamo  perdere  poi  quanto  espresso da Biscardini, che agogna adozioni finanche per i single.
Roba dell’altro mondo, ma tant’è!
È  quanto afferma Luca Lepore, consigliere comunale del Carroccio a Palazzo Marino.


lunedì 24 settembre 2012

COMUNICATO STAMPA: Orsatti, Fedriga, Rivolta e Pittoni "In arrivo mozione Lega Nord in Parlamento"

Milano, 24 Settembre 2012

La questione del concorso per i dirigenti scolastici in Lombardia approda in Parlamento, grazie a una mozione che verrà presentata d’urgenza dalla Lega Nord. La decisione è stata presa a seguito di una riunione, in via Bellerio a Milano, del Dipartimento Welfare-Scuola coordinato dall’ On. Massimiliano Fedriga, a cui hanno partecipato Massimiliano Orsatti, presidente della VII commissione regionale e i parlamentari Erica Rivolta e Mario Pittoni.

“Grazie alla Lega Nord, la battaglia per la meritocrazia nella scuola approda in Parlamento.
Chi ha vinto con merito il concorso per Dirigenti scolastici deve essere immesso in ruolo immediatamente.
Dopo l’approvazione della nostra Mozione in Consiglio regionale della Lombardia – dichiara Massimiliano Orsatti – sarà il Parlamento a doversi esprimere chiedendo al Ministro Profumo di risolvere una questione paradossale che mina alla base il buon funzionamento della scuola lombarda”.

“Ecco le richieste - spiegano l’on. Erica Rivolta e il sen. Mario Pittoni - contenute nella Mozione che la Lega Nord intende presentare d’urgenza in Parlamento:
1) Assumere, limitatamente all’anno scolastico 2012-2013, gli idonei della Lombardia al “concorso per esami e titoli per il reclutamento di Dirigenti scolastici indetto dal Ministero dell'istruzione”, nel caso non si giunga a una soluzione positiva del contenzioso, attraverso accordi stragiudiziali.
2) Evitare la mobilità interregionale da parte di vincitori di concorso appartenenti ad altre Regioni, per evitare che i posti assegnati in Lombardia vengano coperti da chi ha vinto il concorso in altre Regioni, tutelando così gli aspiranti Dirigenti scolastici nel territorio lombardo”.  

venerdì 21 settembre 2012

COMUNICATO STAMPA: Orsatti, Lepore e Piscina: “Via Padova, Far West o modello d’integrazione? Partita la raccolta firme”


Milano, 21 Settembre 2012

Dopo i reiterati fenomeni di microcriminalità che stanno tormentando la nostra Milano, la Lega Nord per l’Indipendenza della Padania ha iniziato oggi in Via Padova la raccolta firme per richiedere al Sindaco Pisapia e compagnia cantante il ripristino dei militari nelle vie cittadine ritenute più a rischio.

“Per gli oltre 500 cittadini che hanno firmato la nostra petizione, - esordisce Massimiliano Orsatti, consigliere regionale del Carroccio - più che un modello d’integrazione, come più volte ripetuto dall’amministrazione Pisapia, via Padova è un vero e proprio Far West, una zona franca nella quale le regole sembra siano inesistenti.
Come si fa a considerare modello d’integrazione un quartiere in cui gruppi di etnie diverse si fronteggiano quotidianamente in una spirale di violenza che raggiunge il culmine attraverso sparatorie e accoltellamenti?”

“La massiccia adesione di cittadini alla raccolta firme - afferma Luca Lepore, consigliere comunale della Lega - ci conferma il “vuoto” che caratterizza le politiche sulla sicurezza dell’attuale compagine melograno e la sua lontananza dalle esigenze primarie della popolazione milanese. Al prossimo consiglio comunale avrò modo di ridestare il signor Sindaco dal profondo torpore che gli fa apparire positivo il quadro sulla sicurezza milanese.”

“In Consiglio di Zona 2 – conclude Samuele Piscina, capogruppo di circoscrizione del Carroccio - la maggioranza non si angustia per la situazione di frequente insicurezza e continua, dopo 1 anno e 3 mesi di fallimenti, a sponsorizzare la coesione sociale come unica soluzione.”
Il Presidente di Zona e la Giunta arancione purtroppo sono allergici alle soluzioni concrete e preferiscono lasciare irrisolta la situazione del ghetto, nella vana speranza che nulla possa accadere di nuovo. La maggioranza di Sinistra si preoccupa dei diritti (senza doveri) degli immigrati piuttosto che della tutela dei milanesi che vengono ogni giorno presi in giro con false promesse.
Speriamo che le firme raccolte riescano a far aprire gli occhi alla maggioranza pisapiana affinché sia finalmente possibile il ripristino della legalità”.

martedì 18 settembre 2012

COMUNICATO STAMPA: Lepore "Registro coppie di fatto, inaugurato il circo del nulla!"

Milano, 18 settembre 2012

Arie  di festa, scene da carrozzone, policromi tripudi nella celebre stanza 231 degli uffici comunali di Via Larga.
Questa  la cornice che ha tenuto oggi a battesimo il tanto bramato registro delle coppie unioni civili.
Un  pezzo di carta inefficace in assenza di una norma nazionale, che ha già riportato  clamorosi  flop  nelle  altre  poche città italiane che lo hanno adottato,   e   che  non  porterà  alcun  vantaggio  concreto  alle  coppie conviventi.
In un periodo di crisi economica, ove aleggiano ombre poco rassicuranti sul futuro  dei  cittadini  italiani  e  milanesi,  ove i problemi maggiormente sentiti  sono  quelli  del  lavoro e del tirare a fine mese, il ritagliarsi
ameni spazi per festeggiare il niente, ci fa alquanto sorridere.
E  mentre  gli intellettuali di sinistra ipotizzano leggi per il matrimonio gay, per gli etero che non vogliono sposarsi e chi più ne inventa ne metta, appare  quanto  mai  sensazionale il fallimento del registro in quanto, dai dati  fornitici dall’ufficio preposto, le richieste di iscrizioni pervenute a   tutt’oggi   (passata   l’euforia   iniziale   le   iscrizioni  andranno inevitabilmente  scemando)  sono  soltanto  105,  pari allo 0,000008% della
popolazione milanese.
Dulcis in fundo, una baraccata per il nulla!
Contenti loro …..
È quanto afferma Luca Lepore, consigliere del Carroccio a Palazzo Marino.

lunedì 17 settembre 2012

COMUNICATO STAMPA: Lepore "Area C, C risiamo"




Milano, 17 settembre 2012

“Errare humanum est, perseverare autem diabolicum”.
Nonostante  la  sonora  bocciatura  del  Consiglio  di  Stato e il “fiasco” riscosso da Area C ai fini dell’abbattimento dell’inquinamento atmosferico, ritorna  oggi  il  provvedimento  tanto  idolatrato  dalla giunta rossa che apporterà, di contro, benefiche “boccate d’ossigeno” alle casse comunali.
Ma  chi se ne importa se l’aria non è migliorata per niente, l’essenziale è soddisfare l’irrefrenabile licoressia di Cerbero (trio Pisapia-Tabacci-Maran) arraffando a più  non  posso  nelle  tasche  dei milanesi.
Dalle  affermazioni  odierne  del  sindaco  Pisapia  in merito alla “grande gabella”   si   evince   esclusivamente  l’arcinota  pervicacia  nelle  sue convinzioni,  alla  faccia  dei tanto reclamizzati ascolto e partecipazione alle Determinazioni dell’amministrazione comunale.
Caro  Pisapia, ma quale stragrande maggioranza di cittadini milanesi vedono in Area C una conquista per la città?
Non ricorda che al referendum del giugno del 2011 partecipò soltanto il 49% degli aventi diritto al voto e che di questi il 20% ha votato contro?
A conti fatti neppure 40% dei  milanesi ha detto sì ad Area C!
Certo, vediamo che la resipiscenza non trova humus nella suo arido operare.
È  quanto afferma Luca Lepore, consigliere comunale del Carroccio a Palazzo Marino.

venerdì 14 settembre 2012

COMUNICATO STAMPA: Lepore "Il Sindaco come Giano Bifronte"

Milano, 13 settembre 2012

Prendiamo  atto  delle  fresche dichiarazioni con cui il sindaco Pisapia ci ricorda  che  la sicurezza e l’ordine pubblico sono di esclusiva competenza statale.
Ma va là! Un aspetto che ci era sconosciuto!
Un lume sulla nostra ignoranza!
Ma  allora  ci  vuole  spiegare  il  signor Sindaco come mai tanta foia per deliberare  il  registro delle coppie di fatto e il registro del testamento biologico,  quando  le  decisioni  in  tale  materia sono di competenza del
parlamento?
Non  è  che forse, a seconda della convenienza, si attribuiscono competente all’una o all’altra istituzione?
Ma ci faccia il piacere e la smetta di fare il Giano bifronte!
Si  impegni,  invece,  a  riportare  i  militari per le strade di Milano, a riattivare  i nuclei speciali dei Vigili Urbani, a potenziare le telecamere pubbliche,   a  sgomberare  i  campi  nomadi,  a  effettuare  controlli  in
appartamenti  affittati  a  clandestini  (ripristinando  le  ordinanze anti degrado).  Queste  cose   possono  essere benissimo fatte senza aspettare i quattro gatti in più di poliziotti promessi dal prefetto.
Milano ha bisogno di ciò e gliene sarà grata.
È  quanto afferma Luca Lepore, consigliere comunale del Carroccio a Palazzo Marino.

giovedì 13 settembre 2012

COMUNICATO STAMPA: Lepore, sicurezza "Respingiamo farneticazioni al mittente"

Milano, 12 settembre 2012

Dopo  il  roboante  silenzio  di  ieri  della giunta comunale riguardo agli episodi  di microcriminalità  (sparatorie e omicidi) che hanno investito la nostra  città,  oggi  l’assessore Granelli parla (o straparla) di un quadro generale  positivo  e  di  una  richiesta  di  maggiori  risorse alle Forze dell’Ordine per migliorare le capacità di intervento.

Ma  se  il  quadro  sicurezza  è ritenuto così positivo, perché l’assessore vuole  richiedere  ulteriori  risorse  per  la  Polizia  di  Stato  e per i Carabinieri?
Al  di  là  della  contraddizione,  la  verità  è  che  anche Granelli si è finalmente  reso  conto  che  Milano  rischia  di  diventare un Bronx o una Tombstone  del  1881!  Granelli  sa benissimo che la sicurezza va garantita innanzitutto  con  il presidio del territorio e un fattivo aiuto alle forze dell’ordine.
Altro  che  l’illuminazione pubblica tanto declamata dall’avv. Mazzali! 

La via Muratori, teatro del misfatto compiuto lunedì sera, non ci pare affatto buia e spopolata, eppure il crimine è stato perpetrato.
Chiediamo  pertanto  con  forza  al sindaco Pisapia di darsi una mossa e di attivarsi  attraverso  tutti  i canali possibili per riportare i militari a Milano  e dislocarli in particolare modo nelle zone maggiormente a rischio.
La sua resipiscenza sarà certamente apprezzata.
La  nostra  Milano  non  deve  più  essere  catalogata  come  la  città più pericolosa e insicura d’Italia!


Respingiamo  al  mittente  gli  sproloqui  del presidente della commissione sicurezza,  avv.  Mazzali,  in  quanto  riteniamo,  in  primis, che non sia possibile  rifiutare  la  collaborazione  dei  militari  e  poi  frignare e
chiedere rinforzi allo Stato.
Secondo, è demagogico propagandare i Vigili di Quartiere quando di essi non se ne vede nemmeno l’ombra.
Se  è  vero che nel 2009 vi furono 9 omicidi in un solo mese, è altrettanto vero  che  l’amministrazione  comunale  mise  in  campo  tutte  le  forze a disposizione  e  fece  tutto  quello  che  era  nelle  sue  possibilità,  a differenza di questa giunta sgangherata che spera solo nella buona sorte!
Da  ultimo,  caro  Mazzali,  l’unico  approccio  risalente al medioevo è il vostro,   ed  è  quello di fare politica sempre guardando al passato e alle eventuali  mancanze  della  parte  politica  avversaria. 

Così non andate da nessuna  parte. Questo perché le idee e il fare sono termini sconosciuti al vostro vocabolario.
E  mentre  il  sig.  sindaco Pisapia visita i territori palestinesi, Milano vive  momenti  di  guerriglia  urbana  e  la  risposta  della Lega sarà una raccolta firme per invitare la giunta a riportare i militari a Milano.
È  quanto afferma Luca Lepore, consigliere comunale del Carroccio a Palazzo Marino.

COMUNICATO STAMPA: Lepore "Ortomercato, muore Sogemi, nasce Macao"

Milano, 12 settembre 2012

La pilotata disattenzione dell’assessore al commercio D’Alfonso, la volontà di   non   rispondere,  l’impegno  economico  per  i  prossimi  5  anni  di 33.200.000,00 euro per la messa in sicurezza della più grande industria del nostro  capoluogo e la mancanza di un promesso piano industriale che doveva arrivare  in  Consiglio  Comunale entro la metà dello scorso mese di luglio (rimasta  disattesa),  fanno  chiaramente  intendere  che non ci sono buone notizie in arrivo.
Il  piano  di dismissione sulle aree Sogemi sta per iniziare e si dimostra, per l’ennesima volta e come sostenuto da anni dalla Lega Nord, l’incapacità della   società   partecipata   e   del   Comune   di   Milano  di  gestire l’ammodernamento della struttura.
Appare  singolare  come da una parte la giunta faccia “morire”, a spese dei contribuenti  milanesi,  la  società  e,  dall’altra, pontifichi le qualità dell’occupazione abusiva di Macao presso l’ortomercato.
Giovedì,  nella  seduta  di  Consiglio  Comunale,  la  giunta  intende dare un’informativa sulla questione.
Auspichiamo  che  non  si  tratti  ancora di sole “chiacchiere”, altrimenti qualcuno questa volta i libri in tribunale li porterà veramente.
È  quanto  afferma  il  consigliere  del  Carroccio  a Palazzo Marino. Luca Lepore.

COMUNICATO STAMPA: Lepore " Scuola elementare di via Paravia 83, un ghetto legalizzato!"

Milano, 12 settembre 2012

La   mediazione  del  Comune  di  Milano  ha  spinto  l’ufficio  scolastico provinciale   del   Provveditorato   a   sperimentare,   con  i  soldi  dei contribuenti,  la  realizzazione  di  una  classe elementare composta da 19
bambini  di  cui  17  figli  di  immigrati  senza cittadinanza, in barba al decreto  Gelmini  che fissa al 30% il tetto massimo di stranieri per classe al  fine  di  non ghettizzare o costruire percorsi formativi penalizzati da
gruppi di alunni troppo eterogenei.
Quest’anno, grazie alla preziosa lungimiranza comunale, si sperimenta sulle giovani generazioni per far fede al precetto arancione dell’integrazione ad ogni costo.
La  “pelle” dei bimbi diventa il luogo ove l’integrazione è tra sé stessi e se  per  caso  il percorso formativo non funzionasse non importa, dall’anno prossimo,  marcia indietro. 

Tanto l’anno scolastico lo perdono gli studenti e il costo lo sosteniamo noi.
È quanto afferma Luca Lepore, consigliere del Carroccio a Palazzo Marino. 

mercoledì 12 settembre 2012

COMUNICATO STAMPA: Orsatti e Piscina: “Milano è un Far West, ma per la Zona 2 e per il Sindaco la sicurezza è di secondo piano”


Milano, 12 Settembre 2012

“Ormai Milano è in mano alla criminalità”, interviene il Consigliere Regionale del Carroccio Massimiliano Orsatti.
I dati della questura parlano chiaro: da quando la Giunta Pisapia un anno fa si è insediata a Palazzo Marino, l’illegalità a Milano è cresciuta esponenzialmente.
La maggioranza di Sinistra ha mandato a monte il grande lavoro sulla sicurezza che avevano fatto le amministrazioni precedenti.
Dopo la sparatoria dell’altro giorno in zona Porta Romana, nel giro di poche ore è avvenuto un nuovo conflitto a fuoco proprio in uno dei quartieri più problematici della città,portato come esempio positivo di integrazione e invece completamente abbandonato alla propria sorte dalla Giunta arancione.”
“Invito il sindaco Pisapia - conclude Orsatti -  ad occuparsi della sicurezza e delle vere priorità dei cittadini invece di fare viaggi a Tel Aviv e Gerusalemme.”

“In Zona 2, - interviene Samuele Piscina, capogruppo Lega Nord in Consiglio di Zona 2 - specialmente e troppo frequentemente nei quartieri della Stazione Centrale e di Via Padova, avvengono numerosi atti d’illegalità. Non a caso questi quartieri contano il maggior insediamento di immigrati della Zona se non della città meneghina.
L’ultimo fatto eclatante è accaduto ieri sera in Via Giacosa angolo via Crespi, proprio nella zona di via Padova, ove un commando di sudamericani a bordo di un’automobile ha sparato diversi colpi di pistola indirizzati ad un’ulteriore veicolo nel bel mezzo del centro abitato.
La città di Milano assomiglia sempre più ad un film di Clint Eastwood ambientato nel Far West!
Eppure in Consiglio di Zona 2 la maggioranza non si preoccupa della situazione di diffusa insicurezza e continua, dopo 1 anno e 3 mesi di fallimenti, a sponsorizzare la coesione sociale come unica soluzione, mettendo in un angolo la sicurezza dei cittadini.”
“Lo stesso presidente della commissione Coesione sociale, Inclusione e Sicurezza, - continua Piscina -successivamente ad un mio intervento che chiedeva maggiori misure per la sicurezza, si è dichiarato non preoccupato in quanto «il fatto, sarebbe potuto accadere in qualsiasi altro luogo».
Purtroppo via Padova continua ad essere soggetta a ripetuti atti di criminalità e il Presidente di Zona e l’Assessore Granelli, invece di fare finta di niente, dovrebbero garantire la sicurezza dei cittadini.”

I LUNEDI' DI VIGNATI: il 17 Settembre sarà presente il Vice-Presidente del Consiglio Comunale di Milano Luca Lepore


COMUNICATO STAMPA: Lepore "Sparatoria a Milano, il roboante silenzio della giunta Pisapia"

Milano, 11 settembre 2012

Come  se  non  bastassero  gli  innumerevoli  episodi  di  microcriminalità (stupri, scippi, rapine, raggiri, violenze) che rendono Milano la città più pericolosa e insicura d’Italia, ecco ora le sparatorie e gli omicidi.
Lungi da intenti strumentalizzanti, ormai anche i più refrattari si  stanno rendendo  conto  dell’imperizia  di  questa giunta meneghina nel gestire il problema sicurezza, nonché delle sue relative politiche fallimentari.
La  sicurezza si garantisce prima di tutto con il presidio del territorio e un  fattivo aiuto alle forze dell’ordine. Altro che illuminazione pubblica!
La  via  Muratori non ci pare affatto buia e spopolata, eppure il crimine è stato perpetrato.
Quest’imbelle compagine di governo, a causa della sua ignavia, sta portando Milano  verso  imprevedibili  lidi,  ove  purtroppo  la  legge del far-west potrebbe  farla  da  padrona  sotto  gli  occhi  inebetiti di chi non vuole capacitarsi della necessità di richiamare l’esercito nella nostra città.
Ma  questo silenzio roboante di Pisapia e compagni la dice lunga sulle loro intenzioni e le loro visioni nel campo della tutela dei propri cittadini.
La Lega Nord non vuole che Milano diventi un Bronx o la Tombstone del 1881!
Nei  fatti,  la  scelta  odierna  di legare la convocazione di un consiglio straordinario  alla  presenza  del  Ministro e del Prefetto dimostra la non volontà di affrontare la questione.
Chiediamo  pertanto  con  forza a Pisapia di darsi una mossa e di attivarsi con  la  Prefettura  per  riportare  i  militari  a  Milano e dislocarli in particolare  modo  nelle  zone  maggiormente a rischio. La sua resipiscenza
sarà certamente apprezzata.
È  quanto afferma Luca Lepore, consigliere comunale del Carroccio a Palazzo Marino.

venerdì 7 settembre 2012

COMUNICATO STAMPA: Lepore "Parco Testori, ridevoli le proposte della sinistra!"

Milano, 7 settembre 2012

Ieri  sera  abbiamo appreso che il Parco Testori (area a verde praticamente in  balia  di  extracomunitari che ne fanno un uso improprio con schiamazzi fino  a  tarda  ora,  barbecue,  musiche a tutto volume, liti fra ubriachi, veicoli  in  sosta  sul  verde,  bancarelle abusive, rifiuti sparsi in ogni dove,  bische,  ecc.) rientra fra le aree in cui l’amministrazione comunale ha  intenzione  di  intervenire  per  riportare  legalità  e possibilità di
utilizzo anche da parte dei cittadini milanesi.
Dopo   l’indifferenza   e   l’immobilismo  dimostrati  dall’attuale  giunta arancione  anche a fronte delle molteplici segnalazioni e richieste d’aiuto da  parte dei residenti della zona, sembrerebbe che finalmente s’accenda un lume di speranza.
Ma  ahimè,  senti  senti,  ecco le taumaturgiche pensate della sinistra per ovviare  ai  problemi  che  assillano  il  parco  e  i residenti viciniori: chiedere  la  collaborazione  dei  rappresentanti delle comunità straniere!
Grottesco:  come  se  i  portavoce  di questi malfattori non fossero già al corrente  delle  malefatte  dei  loro  connazionali!  Se  avessero  voluto, sarebbero già intervenuti in tal senso.
La  realtà  è che in materia di sicurezza e di rispetto delle regole questa amministrazione ha già più volte ostentato la propria latitanza.
I   milanesi  non  possono  più  aspettarsi  qualcosa  di  buono  da  parte dell’attuale giunta lassista.
Viste  le  ridevoli  proposte  della  sinistra,  appare  quindi  quanto mai necessaria  e legittima la richiesta di intervento della Questura per porre fine a questo arbitrario e unilaterale uso del parco.
È  quanto  afferma  Luca  Lepore,  consigliere comunale della Lega Nord per l’Indipendenza della Padania.


giovedì 6 settembre 2012

COMUNICATO STAMPA: Lepore, "Area C, il testamento biologico della Giunta!"

Milano, 6 Settembre 2012

"Col ripristino dell’Area C deciso oggi dalla giunta pisapiana i milanesi si troveranno, oltre al reintegro del balzello, ben 200 mila euro di soldi pubblici spesi per magnificare il fallimento del provvedimento  bocciato dal Consiglio di Stato.
Ma dove sta la spending review tanto di moda?
A cosa servono i sacrifici economici imposti ai milanesi super tartassati dalla giunta? Che insegnamento danno questi emeriti cervelli di assessori alle nuove generazioni, mettendo mano ai soldi altrui per collocare pezze sui propri errori commessi?
Forse il dibattito sul testamento biologico può farci pensare che questa compagine arancione si stia avviando al tramonto e voglia quindi lasciare in eredità ai milanesi tutte le proprie nefandezze.
In questa foga di fare, non si ravvisa forse un accanimento terapeutico?"
È quanto afferma Luca Lepore, consigliere comunale del Carroccio a Palazzo Marino.

COMUNICATO STAMPA: Lepore e Abbiati: "Affori, cadavere nel parco dimenticato dal Comune"

Milano, 6 Settembre 2012

Colpisce il ritrovamento di un cadavere in un parco pubblico di Affori in avanzato stato di decomposizione.
La morte pare risalga a tre giorni fa.
Non più tardi di qualche mese ad un interrogazione comunale per la messa in sicurezza di quell'area si rispose che si era provveduto, evidentemente non pare sia stato fatto.
"Colpisce apprendere - interviene il consigliere del Carroccio Luca Lepore - che a Milano possa trascorrere tutto quel tempo senza che nessuna istituzione si accorga di nulla e si scopra un fatto così tragico grazie ad un passante.
Ci si deve chiedere quale sia il presidio del territorio a Milano, come l'Amministrazione intercetta il disagio sociale e come lo gestisca."
"Anche nel Parlamentino di zona 9 - aggiunge Abbiati Capogruppo della Lega Nord - l'insensibilità alle nostre istanze per posa delle telecamere nei parchi zonali e le numerose richieste disattese di maggior presidio del territorio potevano essere tenute in maggior considerazione e non viste come la "militarizzazione" dei nostri quartieri".
"L'amministrazione Comunale non può rimanere silenziosa ed inerte - conclude il consigliere Luca Lepore - di fronte ad un fatto del genere, lasciando in "autogestione" ai senzatetto e nomadi parte del territorio cittadino".

COMUNICATO STAMPA: Orsatti, concorso Presidi – Approvata mozione Lega Nord in Consiglio Regionale


Milano, 6 settembre 2012

Approvata dal consiglio regionale la mozione della Lega Nord sulla sospensione delle nomine dei nuovi Presidi in Lombardia, Nel merito è intervenuto il Presidente della Commissione Istruzione e Cultura di Regione Lombardia e primo firmatario, Massimiliano Orsatti.

“Esprimo soddisfazione – spiega Orsatti – per l’approvazione condivisa di questa mozione da parte dell’Assemblea regionale della Lombardia. L’attuale situazione di annullamento del concorso da dirigente scolastico mette in grave difficoltà l’avvio del prossimo anno scolastico in considerazione del fatto che in Lombardia vi sono attualmente 500 sedi con posto da dirigente vacante su 1.227 autonomie scolastiche. A questo punto sono necessarie alcune precisazioni: anzitutto ci troviamo di fronte ad una violazione di un diritto costituzionalmente garantito: quello al lavoro. Non è possibile che un ricorso, fatto a posteriori per futili motivi, impedisca a 406 insegnanti lombardi meritevoli, che hanno sostenuto degli esami certamente impegnativi, di diventare dirigenti nelle nostre scuole. E’ bene ribadire infatti che il nostro sistema scolastico non può più permettersi di rimanere in una situazione di pericoloso stallo.
Considerati i precedenti, appare quindi evidente come sia arrivato il momento di individuare modalità di selezione più moderne ed efficaci; non sono più accettabili soluzioni di ripiego per l’individuazione dei dirigenti scolastici lombardi, che mettano in crisi la qualità della scuola lombarda. Come non è accettabile che vengano spediti presidi da altre Regioni in Lombardia quando sul territorio è presente personale più che qualificato in grado di svolgere egregiamente questi compiti.
Nel documento approvato chiediamo al Presidente Formigoni di attivarsi presso gli organi competenti affinché si giunga ad una soluzione positiva del contenzioso in essere e di individuare forme di garanzia, anche in caso di giudizio sfavorevole, che tutelino i vincitori del concorso, perché già selezionati sulla base di criteri di merito. Inoltre – conclude Orsatti – chiediamo di approvare in tempi rapidi il regolamento di modifica delle modalità di reclutamento di dirigenti e di personale scolastico, dando maggior ruolo alle scuole autonome nelle procedure di selezione.”

mercoledì 5 settembre 2012

LUNEDI' DI VIGNATI: Lunedì 10 Settembre Telepadania raccontata dal suo direttore Aurora Lussana


LUNEDI' DI VIGNATI: Settembre - Ottobre 2012


COMUNICATO STAMPA: Lepore "Video gestione sicurezza, balle all'ennesima potenza!"

Milano, 5 settembre 2012

Mentre  continuano  ad  aumentare  gli  episodi  di violenza e di malavita, snobbati e sottaciuti dalla sinistra di governo, apprendiamo dell’esistenza di  un  video  autoprodotto dalla Direzione Specialistica Comunicazione ove viene   illustrata  alla  cittadinanza  “l’intensa  attività  di  contrasto all’illegalità e alla criminalità” per garantire una migliore qualità della vita a Milano.
Un  documento  di  mera propaganda, di autocompiacimento, autoreferenziale, uno  specchio  per le allodole, un coacervo di immagini che non trovano poi concreta attuazione nella realtà.
Alle  belle  immagini  propinate,  l’assessore Granelli deve fare seguire i fatti  e il pragmatismo necessari per contrastare i fenomeni delinquenziali che non danno respiro alla nostra città.
I  milanesi  apprezzano  molto  il forte dispiegamento di agenti di polizia locale e di vigili di quartiere messo in campo dall’attuale amministrazione comunale  (soprattutto  come  nel  caso della rissa di due giorni fa in Via
Vetere  dove  “la  loro  presenza”  è  stata determinante per l’arresto del marocchino che ha accoltellato due italiani).
La smetta questa giunta buonista di raccontare balle ai milanesi in materia di  sicurezza  e  ponga  effettivamente  in primo piano una questione tanto sentita dalla popolazione meneghina.
Invece di produrre video e quant’altro, faccia azioni concrete e tangibili! Lo ripetiamo ormai da mesi: più serietà e meno bugie!
Un  consiglio all’assessore Granelli: spedisca pure il video ove si decanta l’impegno  profuso dal Comune di Milano per combattere fatti delinquenziali alle  decine  di  persone  scippate quotidianamente, alle decine di persone anziane  raggirate, alle donne oggetto di violenze per le strade e i parchi cittadini. Senz’ombra di dubbio apprezzeranno e ringrazieranno!
È  quanto afferma Luca Lepore, consigliere comunale del Carroccio a Palazzo Marino.

martedì 4 settembre 2012

COMUNICATO STAMPA: Orsatti e Galli “Governo incapace, compromesso diritto allo studio in Lombardia. Subito mozione per ripristino graduatorie”


Milano, 3 Settembre 2012

In merito alla sospensione delle nomine dei nuovi Presidi in Lombardia, sono intervenuti il Presidente della Commissione Istruzione e Cultura di Regione Lombardia, Massimiliano Orsatti e il Capogruppo della Lega Nord al Pirellone Stefano Galli. 

“La premessa – spiega il Presidente Orsatti – è che la situazione riguardante le scuole in Lombardia non è certamente delle più rosee: ad oggi infatti circa la metà degli istituti scolastici lombardi sono sprovvisti della figura del dirigente scolastico, con il risultato che alcuni presidi si trovano costretti a dover gestire contemporaneamente un numero troppo elevato di scuole, in certi casi rendendo problematico e difficoltoso il funzionamento delle stesse. La situazione si è ulteriormente aggravata con il blocco del concorso per presidi su cui adesso si attende il pronunciamento del Consiglio di Stato.
A prescindere dalla manifesta incapacità dimostrata dal Governo dei cosiddetti “professori” è bene evidenziare come non sia più possibile perdere altro tempo, continuando a fare a meno di nuove figure che vengano a gestire le scuole ad oggi sprovviste.”

“Come Lega Nord – proseguono Orsatti e il Capogruppo Galli – abbiamo quindi deciso di presentare una mozione in cui chiederemo al Presidente Formigoni di attivarsi presso il Governo nazionale per consentire l’immediato conferimento degli incarichi ai soggetti inclusi nella graduatoria di merito del concorso, con eventuale limitazione all’anno scolastico 2012-2013, in attesa del pronunciamento della magistratura amministrativa.”

“Si tratta di una proposta di buon senso – conclude Galli – che nasce dalla necessità di tamponare una situazione che lede e compromette il diritto allo studio dei nostri ragazzi. Data l’urgenza auspico una collaborazione da parte di tutte le forze politiche presenti in Regione, al fine di poter discutere, e cercare di risolvere, questo annoso problema nel primo Consiglio utile.”

lunedì 3 settembre 2012

COMUNICATO STAMPA: Piscina e Orsatti "Regolarizzazione Leonka attacco alla legalità e ai cittadini!"


Milano, 3 Settembre 2012

“Apprendo oggi dai quotidiani che a fine Settembre la Giunta arancione ha pronto il pacco dono per i loro compagni leoncavallini che hanno sostenuto il sindaco Pisapia durante la campagna elettorale delle comunali”, esordisce Samuele Piscina, capogruppo Lega Nord in Consiglio di Zona 2.
Il Comune di Milano vuole legittimare il paradiso dell’illegalità, centro di spaccio di stupefacenti e malavita.
Ogni anno in questo luogo di criminalità viene celebrata la festa del raccolto della marijuana e coloro che frequentano tal “centro sociale” sono spesso protagonisti di manifestazioni che devastano la nostra amata Milano, oltre ad altre città della penisola.
Inoltre creano un forte disagio nel quartiere, organizzando eventi con musica ad alto volume fino a tarda notte, causando una forte attività di spaccio di stupefacenti e danni materiali alle proprietà private quali scritte sui muri, finestrini frantumati e furti nelle auto.
Il Gruppo Consiliare Lega Nord di Zona 2 un anno fa, in una sola giornata trascorsa nel quartiere di Greco, ha raccolto più di 200 firme per chiedere lo sfratto del centro  illegale.
Ma al Sindaco e alla giunta tutto questo non interessa; l’importante è portare a casa le promesse elettorali fatte agli antagonisti, anche se a scapito dei cittadini e della legge.
La maggioranza di sinistra predica bene, ma razzola male: sostengono la partecipazione, ma i cittadini non sono stati ascoltati e il Consiglio di Zona 2 non è stato neanche interpellato.”
“I cittadini del quartiere, ormai esasperati, -  conclude Piscina - di certo non potranno ringraziare la demenza della sinistra”.


“La sinistra, per l’ennesima volta, dimostra che le sue priorità sono differenti da quelle della cittadinanza”  interviene Massimiliano Orsatti, Presidente della VII Commissione consiliare di Regione Lombardia.
Ritengo che legittimare - legalizzare il centro sociale senza che  venga inserito in un percorso di ripristino totale della legalità, oltre a non essere una urgenza, sia totalmente dannoso per la città.
Chi occupa abusivamente deve essere sgomberato; le regole devono valere per tutti!
L’atteggiamento della maggioranza comunale è ulteriore dimostrazione di come Milano stia cadendo in totale degrado.”